Il Fuorisalone 2016 ha lanciato i suoi 100 e.reporter in giro per Milano durante la settimana del design. A loro Valverde ha chiesto di cogliere in immagini il concetto di trasparenza. Un concetto legato ai valori dell'essenzialità, della purezza e della leggerezza che appartengono a acqua Valverde e alla bottiglia disegnata da Matteo Thun. Il risultato sono 170 scatti, tutti con un loro guizzo di originalità e carattere. Fra queste Valverde ha scelto il vincitore, Daniele Nordio, architetto, fotografo e webdesigner, con due immagini di grande suggestione e freschezza. A lui, in premio, una cena al Vun dello chef Andrea Aprea e a noi il piacere di fare una chiacchierata con lui.

Come hai vissuto questa esperienza di e.reporter?

Un'avventura continua, lunga sette giorni, e un modo per uscire dagli schemi. Oggetti, persone, emozioni... tutto mescolato e tanti stimoli visivi da catturare al volo con l'obiettivo.

Come è nata l'idea delle due foto che abbiamo selezionato e come hai fatto a comunicare così intensamente la sensazione di trasparenza?

L'immagine del ragazzo fra le gocce di luce, l'ho scattata in uno spazio che sembrava quasi fuori dal tempo. Un'installazione (creata da Citizen) surreale. Il ragazzo, un po' alla Interstellar, sembra entrare in un'altra dimensione. Un'atmosfera evanescente, sospesa, che ho sentito subito affine alla trasparenza. Per il secondo scatto mi trovavo nello spazio Barovier e Toso, era lunedì, l'atmosfera era ancora tranquilla. Mi ha colpito un piccolo scenario tondeggiante, popolato di globi e sfere di vetro. La tentazione di posare al centro una bottiglia Valverde, come se fosse la protagonista attorniata da un pubblico, è stata irresistibile. E quelle sfere di luce, nell'insieme, comunicano trasparenza nel senso di delicatezza e fragilità.

Che rapporto c'è secondo te tra fotografia e design?

Penso che la foto sia la via più efficace per raccontare l'anima di un progetto. Sia lasciando vivere l'oggetto nella sua autonomia. E sia legandolo al gesto della persona, che ne definisce l'uso. Oppure la mano dell'artigiano mentre gli da forma.

Cosa ti fa venire in mente la bottiglia Valverde?

Less is more. Un progetto di valore proprio per la sua semplicità, che spesso è frutto di un lavoro complesso. Un po' come le fotografie migliori, che sono le più semplici.